La ex-sindaco non si ricandida e ritorna al passato, affiancando come nel 2012, Maria Elena Boschi e Simona Bonafè

Sesto Fiorentino non voterà il nome di Sara Biagiotti come Sindaco appartenente al Partito Democratico.

Probabilmente vedremo invece il suo Vice sindaco Lorenzo Zambini candidato a primo cittadino del Pd dopo un passaggio formale di primarie.

Formale, perché gli avversari a quanto pare ci saranno, ma pochi e troppo deboli per essere definiti un ostacolo reale alla candidatura ufficiale.

Nei giorni scorsi è stato infatti annunciato, durante una riunione locale di partito, che la ex Sindaco Sara Biagiotti non si sarebbe ricandidata  perché chiamata a Roma ad un ruolo politico sembra di primaria importanza, alle strette dipendenze dell’attuale Premier e storico amico Matteo Renzi. Insomma un ritorno al passato.

Ricordate il trio rosa del 2012 Maria Elena Boschi, Simona Bonafè e Sara Biagiotti che accompagnò Matteo Renzi nella sua campagna elettorale personale persa per le Primarie nazionali del Pd contro Bersani?

Ebbene, alla fine chi in un modo e chi in un altro, hanno trovato modo tutte e tre di distogliersi dalle loro vicende politiche locali per diventare presto “romane”.

Un vero peccato non assistere ancora ad una sfida sestese Biagiotti vs il resto del mondo politico. La giovane Sindaco si era mossa astutamente pur nelle difficoltà di bilancio del Comune cercando di cancellare l’esperienza del precedente Sindaco Gianni Gianassi e rilanciando l’azione del suo partito in città fin quando, l’opposizione interna al suo stesso partito in una calda giornata dell’estate 2015 non  ha deciso di mandarla a casa. Ed alla fine a casa è tornata davvero. Alla Sua casa “di nascita” quella di Matteo Renzi.

Rimane solo un dubbio ma per Sara Biagiotti varrà il famoso detto latino “Promoveatur ut amoveatur”? Ai posteri sestesi l’ardua sentenza.