Domenica alle 15 al Franchi arriva il Sassuolo di Eusebio Di Francesco, squadra spavalda ed eclettica dotata di un gioco divertente, ormai già da qualche anno non si nasconde più visto che anche attualmente è ad un punto dal Milan al settimo posto.

Di Francesco, nome spesso accostato alla panchina viola negli ultimi anni arriva a Firenze con la serenità di una classifica invidiabile per le pretese della società emiliana e con un nulla da perdere a giocarsi apertamente il confronto, serenità che manca invece alla squadra di Sousa visto i mancati risultati recenti , ultimo il derby perso in casa dell’Empoli.

Questo brucia molto ai ragazzi viola , infatti hanno la voglia di risvegliarsi da questo mese e mezzo di letargo e tornare a far gioco e punti nelle ultime sette partite. Nonostante il periodo non felicissimo i punti a disposizione ancora sono tanti (21) e nulla è perduto, ne il quarto posto a due lunghezze e sognando nemmeno il terzo a otto punti.

L’allenatore portoghese domani dovrà sicuramente fare a meno di Astori squalificato e degli infortunati Benalouane e Babacar, per il resto la rosa è al completo. I dubbi di formazione riguardano solo l’attacco visto che Astori in difesa sarà sostituito dall’arretramento di Alonso e l’inserimento dal primo minuti di Pasqual.

Attacco vero nodo da sciogliere , Zarate si o Zarate no? Nel corso della settimana è stato provato con Kalinic e Ilicic dietro e molto probabilmente sarà questa l’ipotesi che prenderà in considerazione il tecnico. Stando cosi le cose a Zarate gli dovrà far posto uno fra Tello e Bernardeschi.