La notizia della morte.

All’ età di 86 anni ci lascia Carlo Pedersoli in arte Bud Spencer. La notizia è stata data dal figlio Giuseppe alle 18.15 di ieri, sottolineando che se ne è andato serenamente con un “Grazie”.

Embed from Getty Images

Un grazie rivolto ai familiari che gli sono stati accanto fino agli ultimi attimi in una nota clinica romana dove era degente da vario tempo. Un grazie a chi l’ha amato , chi l’ha seguito e chi forse lo ha criticato o non capito.

Embed from Getty Images

La carriera artistica: bud spencer.

L’ attore napoletano ha segnato le pellicole di un paio di generazioni e sicuramente non sarà scordato per le prossime. Dagli spaghetti Western al cinema d’autore passando per i Thriller, il gigante buono a suon di manatone, sganassoni e qualche pugno ben tirato si è fatto piacere dalla platea di adulti e ragazzi indistintamente insieme all’amico e compagno di avventure e film Terence Hill.

Snobbato e poco considerato dai palati fini di quel cinema in cui per sbaglio o per merito il grande Pedersoli era entrato, dove più volte l’attore si era lasciato scappare frasi del tipo ” In Italia io e terence Hill non esistiamo.” anche contro la popolarità effettivamente riscontrata nei più vari target della società italiana.

Embed from Getty Images

Lo sport.

Carlo Pedersoli oltre ad essere stato un grande attore è stato pure un grande sportivo. Alla fine degli anni ’40 dopo essere stato tesserato dalla SS Lazio Nuoto ; si è affermato ai campionati italiani di nuoto nello stile libero e nelle staffette miste. Nei cento metri stile libero è entrato nella storia per essere stato il primo italiano a infrangere la barriera del minuto. Nel 1951 ai giochi del Mediterraneo conquista due secondi posti e nel 52 partecipa ai giochi olimpici di Helsinki. Il suo fisico colossale fa da trapolino di lancio per il cinema, siamo a metà anni 50, da allora fino ad i nostri giorni Pedersoli entra in un mondo che solo ieri ha lasciato.

Grazie Carlo.