Firenze e’ la culla del Rinascimento, ma in pochi sanno dell’esistenza di una citta’ esoterica, trasversale a quella che vediamo. Ben pochi sanno che i piu’ grandi personaggi della storia fiorentina ed italiana erano legati all’esoterismo, alchimia ed alle societa’ segrete.

Firenze e’ una citta’ che viene ammirata dal mondo. Ben pochi sanno che Firenze e’ una della citta’ principali dell’esoterismo, dell’alchimia e delle societa’ segrete.

Uno dei punti chiave dell’alchimia fiorentina e’ ad esempio lo studio di Francesco I de’ Medici che si trova al primo del lato sud di Palazzo Vecchio (stanza tutt’ora aperta al pubblico) e che contiene al suo interno numerose pitture e sculture che ricordano il concetto di alchimia. Questa stanza pero’ era piu’ un centro di studi di Francesco I.

Fu proprio grazie ai suoi esperimenti che riusci’ a portare a Firenze la lavorazione della porcellana, imitando quella cinese.

Il vero e proprio laboratorio era situato presso la Chiesa di San Marco.

Al Giardino di Boboli invece troviamo un obelisco. E’ l’unico obelisco presente in tutta la Toscana e racchiude significati esoterici e massonici.

Sempre al Giardino di Boboli troviamo in vicinanza della Fontana di Nettuno troviamo una statua fatta ad immagine e somiglianza della moglie del Granduca Francesco I.

Un altro punto chiave e’ la grotta di Buontalenti, nella quale vi sono presenti statue che danno l’impressione di voler scappare, quasi evadere, messaggio ben riferito alla massoneria che sancisce la liberta’ di ogni individuo.

Nella casa di Dante Alighieri, il sommo poeta nonche’ grande esponente dell’esoterismo troviamo un museo. La casa che oggi conosciamo e’ una ricostruzione del ‘900 dove si suppone sia nato e vissuto Dante Alighieri. La piu’ grande opera di Alighieri non a caso e’ un’allegoria all’esoterismo infatti contiene diversi messaggi di matrice occultistica.

Presso la Chiesa di Santa Croce troviamo le tombe di diversi personaggi come ad esempio Machiavelli, Galileo Galilei Michelangelo Buonarroti, Vittorio Alfieri ed altri, tra cui il massone Giovanni Battista Niccolini alla quale e’ stata messa una corona di fiori da cui verra’ dopo tratta ispirazione per la realizzazione della Statua della Liberta’.