Tra i ponti piu’ famosi  al mondo troviamo anche il fiorentino Ponte Vecchio. Oggi vi parleremo del ponte e dei suoi segreti.

Il Ponte Vecchio e’ un ponte fiorentino, sotto al quale passa il fiume Arno.

Progettazione e costruzione

Il ponte venne progettato da Taddeo Gaddi e Neri Fioravanti, venne costruito nel 972 – 974, venne ricostruito nel 1177 e nel 1345 e successivamente venne restaurato nel 1944.

Inizialmente il ponte doveva passare dall’attuale Piazza del Pesce, questo progetto fu tuttavia risalente al periodo romano, infatti negli anni ’50 furono rinvenuti dei materiali che facevano pensare ad un ponte romano.

Successivamente si decise di spostare il ponte nell’attuale posizione. Si ha infatti la traccia di un primo ponte gia’ dall’anno 1177 ma venne danneggiato nel 1322 per poi essere distrutto nel 1333 a causa di un’alluvione.

Corridoio Vasariano

Lo scopo che aveva Giorgio Vasari, al momento in cui costrui’ il corridoio per Cosimo I, fu quello di creare un collegamente tra Palazzo Vecchio e Palazzo Pitti.

Curiosita’

Nel 1938, il ponte fu visitato da Hitler, Mussolini e le truppe naziste e fasciste, cercando cosi’ un’alleanza reciproca.

La particolarita’ di questo ponte e’ che fu l’unico a non essere stato fatto saltare in aria nel 1944.

Questa particolarita’ avvenne grazie all’intervento di Gerhard Wolf, rappresentante tedesco la cui targa commemorativa si trova sul medesimo Ponte Vecchio.

Ben pochi sanno, che durante la visita di Hitler a Firenze, Mussolini ordino’ l’apertura di alcune delle finestre poste sul ponte in modo che Adolf Hitler potesse ammirare la maestosita’ della citta’.

Un’altra cosa particolare che salta alla luce e’ il cambiamento del ponte, ovvero da luogo in cui vi eran posti dei negozi di macellai (beccai) a luogo esclusivo per gioiellieri ed artigiani.

Il tutto avvenne per mano di Ferdinando I, che stanco del malodore che rilasciavano le macellerie decise di impiantare delle oreficerie.