Firenze: Marracash e Guè Pequeno infiamano il pubblico dell’ Obihall

Guè Pequeno al Santeria Live 2017 - FirenzeMarracash - Santeria Live 2017 - Firenze

“Sapete, non c’è niente di meglio del successo, di tanto successo, per dimenticare il prezzo che hai pagato per averlo. Ogni volta che il mondo vede una persona di successo la fuori, vede solamente il luccichio e mai l’ombra dei sacrifici fatti per ottenerlo. Dio solo sa quanti sacrifici sono stati fatti… per arrivare fino a qui”.

Così si apre la penultima data del Santeria Live Tour in un Obihall soldout e traversale. I due artisti soli sul palco senza dj ne orchestra danno inizio ad uno show mai visto, un musical urbano e un po noir prende vita sotto le note di Santeria. Money è la prima canzone a rompere gli animi seguita poi dalle famose Salvador Dali e Scooteroni che infiammano l’intero teatro.

I due ci fanno fare anche un salto nel passato con le immagini sull’outro di Quasi Amici proiettate sullo sfondo, un Cosimo Fini e un Fabio Bartolo Rizzo giovani e sbarbati prima di diventare due pilastri della scena Rap italiana che tutti noi conosciamo oggi.


I momenti comici non mancano, soprattutto quando Marracash scherza sulla lite avuta pochi mesi fa con Fedez, raccontando una simpatica storia: “Ero a bere un cocktail analcolico con una bella ragazza, mi passa di fianco Tayson ed inizia a guardarla. Ho il sangue caldo, sono siciliano, non ci ho visto piu e gli ho detto “Coglione smettila”. Ha abbassato lo sguardo ed è andato via”.
Risata generale. Il concerto prosegue poi con i brani piu famosi di entrambi i rapper, prima Marracash con “Nulla Accade” e “King del Rap” a seguire Gue con “Il ragazzo d’oro” e “Business”, un vero e proprio “mini” concerto da parte dei due artisti, esibendo il meglio del loro repertorio. Si conclude in bellezza con il brano piu famoso di questo Album, “Nulla Accade”, niente nella vita accade per caso come canta la canzone, il successo stesso è frutto di sacrifici e duro lavoro, solamente nel vocabolario la parola sudore viene dopo di essa.

Questa è la morale che i due ci vogliono trasmettere, rimanere umili e non scordare mai da dove siamo venuti. Con un caloroso ringraziamento Marracash e Gue Pequeno chiudono il sipario ad un teatro entusiasta ed emozionato.