Esiste oggi un modo diverso per conoscere il famoso “Oltrarno” alternativo rispetto a quelli tradizionali.  C’è oggi la possibilità di girare per l’Oltrarno fermandosi nei vari laboratori artigiani con relativo aperitivo a chiusura della visita. Questo nuovo modo di osservare la città è stato organizzato da Artex, Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana in collaborazione con Officina Creativa. Ovviamente è obbligatorio prenotare e i tour sono molteplici:
11 aprile: I vicoli dell’Oltrarno & L’arte della molatura di Moleria Locchi
26 aprile: Il Vecchio Conventino & Il legno decorato di Tommaso De Carlo
9 maggio: I lungarni & Il bronzo de’ Il Bronzetto
23 maggio: Le mura storiche & Il gioiello Contemporaneo di Yoko Takirai
6 giugno: I giardini dell’Oltrarno & L’arte del restauro di Beneforti
20 giugno: Le piazze dell’Oltrarno & Il sandalo artigianale del Calzaturificio Laudato

Perché ne vale la pena

Sicuramente un progetto simile sarebbe scontato pensare che possa interessare soltanto i tanti turisti che attraverso questo “tour alternativo” potrebbero avere la possibilità di scoprire una parte di Firenze sicuramente sconosciuta ai più. Perché l’oltrarno non è meta di “pellegrinaggi” per le opere d’arte, e non è neppure particolarmente conosciuto dalle guide turistiche ufficiali. Invece potrebbe essere un modo alternativo anche per noi fiorentini per scoprire posti di cui magari ignoriamo ancora l’esistenza. A me è capitato con la Gipsoteca del Liceo Artistico di Porta Romana, che possiede la più interessante raccolta di modelli in gesso in Italia del rinascimento toscano. Ed ammetto che neanche sapevo cosa fosse una “Gipsoteca”. Girando per l’Oltrarno si scoprono poi centinaia di locali che non solo sono frequentatissimi ma sono anche molto molto particolari, come il birrificio artigianale il Bovaro, a Porta S.Frediano. L’unica realtà di birrificio artigianale in città con mescita diretta.

Un esempio per tutti: Conoscevate ad esempio il Museo della Moda e del Costume?

La scoperta e la visita è una delle possibilità previste dai Tour. Il Museo della Moda e del Costume (già noto come “Galleria del Costume”) si trova nella Palazzina della Meridiana sull’ala meridionale di Palazzo Pitti, ed è il primo museo statale dedicato alla storia della moda in Italia. Al suo interno è possibile vedere collezioni di abiti ed accessori di moda dal XVIII secolo ad oggi nonché famosi abiti di scena indossati dagli attori di celebri film e spettacoli teatrali. Rarissima è soprattutto la mostra di abiti del Cinquecento indossati dal Granduca Cosimo I de’Medici, sua moglie Eleonora e il giovane figlio Garcia. L’esposizione principale cambia ogni tre mesi e la scelta avviene attraverso una selezione di opere estratte dai depositi.

Insomma, lo hanno ribattezzato Trekking Oltrarno, ma non spaventatevi. Non servono ciaspole, zaini o ramponi. Basta avere la voglia di camminare, di incontrare persone nuove e la voglia di vivere una Firenze diverse. Il Tour costa più o meno 10 €. Vale la pena investirle. Vale davvero la pena fare un Trekking nella Firenze sconosciuta ai più. Il guadagno sarà sicuramente maggiore della spesa.