Fino domenica 24 settembre segnaliamo l’iniziativa “Nuovi Cantieri Culturali Isolotto”, un progetto basato sulla partecipazione di artisti e cittadini, che ha come obiettivo quello di portare “rinnovata” frequentazione del territorio grazie ad azioni incentrate sulla natura.

Il progetto è ideato e curato da Virgilio Sieni (Centro di produzione nazionale sui linguaggi del corpo e della danza) e vedrà la partecipazione di settanta interpreti non professionisti di tutte le età.

Durante i quattro giorni dell’evento, i cittadini si troveranno a camminare in percorsi animati da performance artistiche di vario genere (musicali, letterarie, coreografiche ecc.) in armonia con l’ambiente naturale e in particolare modo con gli alberi presenti: tigli, olmi, lecci, cedri, pioppi, magnolie, oleandri, pitosfori, bagolari, ippocastani, cipressi, pini, pazienze, platani, larici e altri ancora.
Alcuni luoghi del quartiere, in precedenza chiusi, verranno riaperti per riscoprirsi centri di esposizione e incontri. Percorsi quindi che si pongono come obiettivo di far riflettere i visitatori sul rapporto tra uomo e natura.

Altro scopo dell’iniziativa é di far riflettere sulla centralità culturale delle periferie, non a caso infatti sarà proprio il quartiere dell’Isolotto a ospitare l’evento.

Ecco di seguito alcuni momenti previsti durante l’evento:
– Viale d’oro: al momento dell’apertura del Festival il viale che unisce Piazza dei Tigli e il Viale dei bambini verrà ricoperto da foglie d’oro, simbolo dell’inizio del Festival;
– 6 azioni coreografiche per ripiantare e salvare alberi;
– Ciclo di danzette;
– Ciclo di poesie;
– Coro ritmico;
– Progetto residenze (Giardino delle erbacce, Stecca Michelucci e Boschetto nell’aiuola)
– Soli e duetti notturni
– Incontri
– Laboratorio Hortus
– Racconti sulle piante
– Pranzo popolare
– Cammino popolare
– Video scuola elementare
– Memoria Isolotto
– Galleria Isolotto