Uno spettacolo teatrale comico ricco di spunti di riflessione: LIKE è un viaggio, quanto mai attuale, nel mondo delle nuove tecnologie sempre più presenti nella quotidianità.

Stefano Santomauro, brillante attore comico surreale, dà il meglio di sé in questo monologo divertente e originale. Tra cellulari di ultima generazione, prenotazioni online, password, offerte, giga e google si ride davvero molto delle nostre grandi difficoltà di comunicazione in un mondo sempre più connesso.

Al servizio dello spettacolo il talento di Stefano Santomauro (Eccezionale Veramente La7, Challenge 4 Rai4, Vincitore dell’Italia dei Visionari Kilowatt Festival 2017), la penna di Francesco Niccolini (collaboratore dei testi di Marco Paolini e Giorgio Montanini) e la regia di Daniela Morozzi (Distretto di Polizia 1-10, Ovosodo, Baci e Abbracci di Paolo Virzì).

Intervista a Stefano Santomauro

Stefano, al “Teatro del Sale”, debutterai con il tuo nuovo spettacolo dal titolo “Like”: emozionato?

Non vedo l’ora! Insieme al coautore Francesco Niccolini abbiamo lavorato moli mesi alla stesura del testo che affronta a 360° il tema della comunicazione ai tempi dei social. La regia di Daniela Morozzi poi ha reso lo show ancora più incisivo. “Like” è uno spettacolo divertentissimo e cinico allo stesso tempo: lo spettatore riderà molto e quando si alzerà dalla poltrona avrà anche qualche spunto di riflessione. Sono felicissimo di debuttare al Teatro del Sale, ormai ci sono di casa, per me questa è la quarta volta, e di avere tante persone che mi seguono anche a Firenze. Sarà una bellissima serata!

“Like”, è un titolo che riporta in qualche modo a Facebook. E’ giusto ?

La risposta a questa domanda si trova nella locandina. Il titolo “Like” è seguito dal classico pollice ma anziché essere rivolto verso l’alto è rivolto verso il basso. Lo show comico intende analizzare le nevrosi del nuovo millennio, nuovo millennio invaso dalle tecnologie che hanno cambiato in toto il nostro modo di comunicare. Abbiamo dunque fatto una fotografia a quello che significa oggi “comunicare” e poi abbiamo dissacrato in maniera comica ogni singola sezione.
Lo spettatore, con “Like”, ha così modo di ridere e pensare a tutto ciò che ci sta succedendo, alla velocità con la quale comunichiamo e alla superficialità con la quale leggiamo.

Da attore ma anche da fruitore del web, sei molto “tecnologico” ?

La tecnologia oggi è il quotidiano. Con l’arrivo degli smartphone che sono diventati tv, computer, macchine fotografiche, uffici e tempo libero abbiamo in mano tutto ciò che fino a qualche anno fa trovavamo fuori, in strada.
Sono affascinato dalla tecnologia, mi piace. Ma sono anche convinto che ogni cosa debba avere il suo posto. Ecco, diciamo che con “Like” proviamo a ridere delle cose che non sono messe dove dovrebbero. 

  
Perché hai deciso di dedicare questo spettacolo alla tecnologia ?

 
Sarà il primo di una lunga serie di “nuovi” temi. Chi mi conosce e ha già assistito a miei spettacoli, in “Like” troverà un nuovo codice, un nuovo modo di fare comicità, e siamo convinti che vi piacerà. La tecnologia è oggi un tema importante. E lo abbiamo scelto e affrontato non in maniera superficiale, cabarettistica, leggera. Al contrario. “Like” è un manifesto attuale di quello che ci succede. Ridiamo davvero molto per tutto lo show, ridiamo di noi e delle nostre nevrosi. Ridiamo del fatto che gli studiosi della Columbus University dopo una lunga ricerca hanno calcolato che tocchiamo il cellulare 400 volte al giorno e lo teniamo in mano per 6 ore al giorno. Tutti dati che devono far riflettere, ma anche sorridere!
 
LIKE
Di e con Stefano Santomauro
Scritto in collaborazione con Francesco Niccolini
Regia Daniela Morozzi
In collaborazione con Festival Montagne Racconta (Tn)
Coproduzione Pilar Ternera e Verbamament

Chi è Stefano Santomauro ?

Attore livornese. Allievo di Paolo Migone, con il quale collabora per diversi anni, Stefano si destreggia nel Cabaret, nel Teatro surreale e in quello di Prosa. Collabora attivamente con la Compagnia degli Onesti diretta da Emanuele Barresi, è autore ed interprete di spettacoli comici e teatrali che stanno andando in scena nei teatri della Penisola.
Nel 2016 è nel cast di Eccezionale Veramente su La7 talent di comici con Paolo Ruffini e Diego Abatantuono dove ha superato una selezione di oltre 1000 comici provenienti da tutta Italia. Sempre nel 2016 è stato selezionato, dall’autore di Marco Paolini, Francesco Niccolini e dal regista Roberto Aldorasi, per un laboratorio intensivo di scrittura di un nuovo spettacolo teatrale.
E’ una delle colonne dello Zelig Lab di Livorno esibendosi nel 2014 e nel 2015 allo storico Zelig di Viale Monza. Nel 2014, per un breve periodo, partecipa anche alle selezioni per Colorado. Nel 2015 è il vincitore del Concorso Nazionale Sos Cabaret. Viene scelto per una ruolo nella serie Tv che andrà su Rai1 nell’autunno del 2017 “Romanzo Famigliare” diretta da Francesca Archibugi con Vittoria Puccini e Giancarlo Giannini.
A fine 2016 è entrato a far parte del Cast di una nuova trasmissione di comici Challenge 4 in onda su Rai4 in prima serata e nel 2017 è Finalista al Festival Nazionale di “Cabaret Amore Mio” di Grottammare e vince il Kilowatt Festival l’Italia dei Visionari.