Venerdì 17 novembre  
L’ electroswing del francese Little Tune dj, il rock’n’roll dei Fratelli Raudo e blues old stile de La Fascia del Cotone  
 
Sabato 18 novembre  
Il pop elettronico degli ⁄handlogic, le sonorità electro degli Am I Right e il dj set  tra black music e electro-indie di IMDavis
 
 
 
Un weekend in bilico fra electroswing, black music, rock’n’roll e pop elettronico. Si parte venerdì 17 novembre quando dalla Francia si paleserà al BUH Little Tune, con il suo immaginario fatto di catenacci d’oro, pellicce e lustrini glitterati.
Iper attivo dj con più di 1500 serate alle spalle Little Tune mescola nei sui iperbolici djset hip hop 90s, jungle reggae, ghetto-funk, electroswing e  balkan-beat.
In apertura i live dei Fratelli Raudo e de La Fascia del cotone. I primi sono un duo originale il cui repertorio spiccano grandi successi del repertorio pop rock rock’n’roll internazionale. Guai però a paragonarli ad una semplice cover band, anche perché grazie a Fratelli Raudo sarà possibile ascoltare  gli AC/DC e i Ramones rifatti con l’ukulele, Michael jackson rifatto country,  i Beatles mischiati ai Green day e gli 883 in versione swing.
La Fascia del Cotone è invece una band nata con l’idea di suonare il blues old stile di Willie Dixon e Muddy Waters con testi originali ed ambientazioni tutte italiane. La band abbraccia oggi anche lo swing anni 30 delle big band della grande mela d’oltreoceano, stringendo forte la mano al gipsy jazz di stampo manouche, toccando la chitarra alla maniera dei mariachi.
Nel 2011 incidono il brano La Maleducata per la compilation Labella, con la quale vincono il concorso associato tra oltre 40 band partecipanti. Nel 2012 registrano il loro primo EP ufficiale Speciali Onoranze Futili. Nel 2013 e 2014 suonano ripetutamente nei caffè, teatri, tabarin di Firenze e non solo.Nel 2015 esce il disco d’esordio Allegro Ma Non Troppo (inizio concerti ore 22:30 – INGRESSO LIBERO per i soci Arci – Preadesione sul sito ->https://portale.arci.it/preadesione/lascenamuta).
 
Sabato 18 novembre l’apertura della serata spetta agli Am I Right, duo italiano di musica indie dance /electro pop nato nel 2016 e composto da Sasha Polita, voce principale e sintetizzatore, e Claudio Zappi, basso elettrico e sequenze.
A pochi mesi dalla nascita, il duo pubblica il singolo Time Is On Our Side per l’etichetta russa Reflex Music, disponibile su Soundcloud, iTunes, Spotify e Youtube. Il brano vede la collaborazione del chitarrista della band russa Tesla Boy.

A seguire quello che è forse il live più atteso del weekend, quello degli ⁄handlogic, un progetto di alternative pop/electronica nato a Firenze. L’EP d’esordio, uscito il 6 dicembre 2016, riscuote ampi consensi e ottime recensioni: tra gli altri, Carlo Pastore a Babylon Radio2 e Giulio Bartolomei su Mucchio Selvaggio lo definiscono rispettivamente “un EP pazzesco” e “sorprendente”, paragonando il sound della band a quello di nomi ingombranti (Radiohead, James Blake, alt-J). Proclamati vincitori del Controradio Rock Contest 2016 da una giura composta tra gli altri da Verdena, Iosonouncane e Colapesce, nel 2017 si esibiscono negli studi di Rai Radio1 (Stereonotte) e Radio2 (Babylon) e partono per il primo tour, a firma Rocketta Booking, che attraversa tutta la penisola, da Trento a Siracusa. Gli ⁄handlogic hanno fanno parte della lineup del main stage del MI AMI Festival 2017 a Milano e hanno aperto la data romana dei Primal Scream a luglio 2017.
 
In chiusura, dopo la mezzanotte, IMDavis: tra lune nuove, vinili vintage DOC e sinuosi cavi rca, il trio di deejane IMDavis, Mimmy e LaPonto tesse un incantesimo tra black music e electro-indie, svelando i segreti trait-d’union tra bpm e ritmi tribali in un bollente calderone danzereccio strabordante di voodoo e originalità (inizio concerti ore 22:30 – INGRESSO LIBERO per i soci Arci – Preadesione sul sito ->https://portale.arci.it/preadesione/lascenamuta).
A partire dalle 20:30, in entrambe le serate, “TAVOLONI, cene in famiglia”: cene a menù fisso prima degli spettacoli in programma con cibi tradizionali, di provenienza locale, rivisitati con un occhio di riguardo alla stagionalità.
Una cucina attuale, sentimentale e capace di intrecciare cibo e convivialità attorno alla tavola  (cena + concerto o dj set 20 € – ingresso riservato soci Arci – prenotazione obbligatoria: prenotazioni@lascenamuta.com). Il menù è curato da Francesca Zannoni: agronoma tropicale, e cuoca classe ’79, promuove una cucina a ritmo con le stagioni e pratica personali alchimie tra i sapori semplici della cucina tradizionale del Mediterraneo e non solo (menù di questa settimana in allegato).
Maggiori informazioni