E’ iniziato ufficialmente Pitti Uomo, attesissimo evento di moda nazionale e internazionale alla Fortezza da Basso. Tante le aspettative e tante le presenze di marchi e collezioni da tutto il mondo.

Foto di Matteo Venturi

Ieri è iniziata la 93esima edizione di Pitti Uomo alla Fortezza da Basso.

E’ uno degli eventi più importanti e più attesi della moda maschile sia nazionale che internazionale e richiama visitatori, espositori e compratori da tutto il mondo. Quest’anno alla Fortezza da Basso, in 60.000 metri quadrati dedicati all’esposizione, saranno presenti 1.244 tra marchi e collezioni, quasi la metà provenienti dall’estero (570).

Foto di Matteo Venturi

L’anno scorso, durante l’edizione invernale, furono 36.000 i visitatori totali del Salone, 24.000 i compratori dei quali almeno 8.800 i buyer dall’estero. Fu, quindi, un buonissimo risultato per quanto riguarda la partecipazione estera, quella italiana, invece, vide una leggera flessione del circa il 3.5% rispetto a Gennaio 2016. Vedremo quest’anno se continuerà a crescere la presenza dei buyer esteri e se, soprattutto, tornerà a crescere quella degli italiani.

Foto di Matteo Venturi

Quest’anno, tra i nomi nuovi e quelli che rientrano, ci sono brand che arrivano dall’Australia, Cina, Messico, Taiwan che confermano come Pitti Immagine sia un evento di richiamo internazionale.

Il tema di quest’anno è il cinema e Pitti Uomo si trasforma in un Film Festival, un progetto-installazione, Pitti Live Movie, firmato dal lifestyler Sergio Colantuoni.

Foto di Matteo Venturi

Pitti Immagine è uno degli eventi che creano grandi occasioni per una città come Firenze, che danno al capoluogo un respiro internazionale. Nonostante i disagi che può creare, in primis il traffico infernale, quindi come fiorentini dobbiamo solo sperare che l’evento sia un successo.

Foto di Matteo Venturi