Fino a domani – Domenica 11 Febbraio – il Teatro Verdi di Firenze ospiterà, uno tra i musical più conosciuti a livello internazionale. Si tratta di Dirty Dancing, musical tratto dall’omonimo film.

Era il 1987 quando in Italia si cominciò a parlare di un film che in America si preannunciava il cult che poi è diventato, grazie alle musiche e canzoni presenti in esso, quali Hungry Eyes, Do you love me? Cray to me ma soprattutto la celebre (I’ve Had) Time of mg life.

In quanti e quante siamo cresciute con negli occhi, gli sguardi tra Patrick Swayze e Jennifer Grey, due giovani che si innamorano nella lontana estate del 1963 e nelle orecchie le trascinanti melodie.

Questo musical rispetta la trama, senza apparire o pretendere di essere la semplice riproduzione di un successo cinematografico. Il regista, che ha firmato questa produzione teatrale è stato molto intuitivo, essendo un regista che ha all’attivo una proficua produzione teatrale.

Un applauso meritato va a tutta la compagnia, sia i protagonisti che si esibiscono sul palco del teatro, che  tutti coloro che lavorano dietro le quinte.

Sara Santostasi, una Baby impeccabile: perfetta e talentuosa

Sara Santostasi, ha ben saputo rivestire i non facili panni nel ruolo di Baby. Presenza scenica, padronanza nella recitazione e soprattutto dinamica nel ballo.

Giuseppe Verzicco: l’insegnante che tutte noi vorremmo avere …

Il ruolo dell’affascinante insegnante di danza Johnny Castle, è stato interpretato da Giuseppe Verzicco che, oltre a godere di un’ottima presenza scenica , si è  rivelato  un ballerino e un interprete  eccellente.

Un teatro ricco di applausi e di emozioni

Il Teatro era gremito , da giovani ma soprattutto da famiglie che hanno apprezzato questo lavoro che ribadisco è fatto molto bene, con alcune piccole licenze interpretative che risultano amalgamati bene  come se fossero presenti .

Per cui consigliamo ai fiorentini di andarlo a  vedere, perché non rimarranno deluse, anche perché le musiche sono le originali del film.

Gallery