Firenze, Isolotto, parco di Villa Vogel, tra via Canova e l’ingresso alla FI-PI-LI, in via delle Muricce, della fabbrica Campolmi resta uno scheletro di mattoni. In balia degli elementi. In attesa di riqualificazione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’area fu scelta per la fabbricazione di concimi chimici e poi anche di saponi alla fine dell’Ottocento da una cordata di imprenditori, i Soci Romanelli, Cantinelli e Bertelli. Scelsero l’area per la distanza dal centro abitato: allora l’Isolotto era campagna. Prese il nome di Concimaia. Pochi decenni dopo rilevata da Galileo Campolmi, proprietario dell’omonima ditta, e ammodernata a partire dagli anni ’20: si devono a lui i magazzini, i garage e altri edifici di servizio del complesso.

La Campolmi restò attiva fino al 1969. Per impulso del sindaco La Pira l’Isolotto stava diventando un quartiere abitato e non poteva più ospitare una produzione ad alto rischio igienico-sanitario. Nel 1984 un grave incendio provocato dai materiali infiammabili contenuti nel magazzino distrusse buona parte del complesso tra cui il tetto: ci vollero giorni  ai vigili per domarlo.

L’area ex Campolmi è abbandonata da allora. Negli anni è diventata un rifugio di fortuna per senzatetto e disperati. È posta sotto la tutela dei Beni Culturali. Non può essere demolita ma può essere rigenerata e i suoi volumi possono tornare in uso alla popolazione dell’Isolotto. Negli anni spesso si sono susseguite voci di progetti di restauro. Si parlava di destinarne parte a parcheggio e parte a edilizia residenziale pubblica. Per adesso non sembra esserci destino migliore del crollo per una testimonianza del passato industriale di Firenze come la Campolmi.

Spazi sociali vuol essere un progetto di critica, di riflessione, di proposta per la città. Un osservatorio attento agli sviluppi del tessuto urbano e sulle sue conseguenze sui cittadini.


Vuoi segnalare anche tu uno spazio sociale come la Campolmi? Scrivi a lorenzo.somigli@seidifirenzese.it