Un graffiante affresco della società italiana nell’ultimo libro a firma di Andriano Angelini Sut.

Martedì 27 Novembre alle ore 18:00 presso il Convitto della Calza, piazza della Calza n.6 Firenze, sarà presentato il libro “L’ultimo singolo di Lucio Battisti”. Presente l’autore Adriano Angelini Sut, i saluti sono affidati a Lorenzo Somigli e Graziano Davoli.

Andriano Angelini Sut è uno scrittore e traduttore romano. Tra i suoi romanzi: Da soli in mezzo al campo (Azimut 2005), Le giornate bianche (Azimut 2007). Ha pubblicato inoltre 101 cose da fare a Roma di notte almeno una volta nella vita e 101 gol che hanno cambiato la storia del calcio italiano (Newton Compton, 2010). Vanta collaborazioni con Il Foglio, radioradicale.it, paradisodegliorchi.com e Radio Manà Manà e ha tradotto per XL edizioni le opere di Luis Alberto Urrea. Nel 2013 è uscito il volume Mary Shelley e la maledizione del lago (Edizioni XL), biografia incentrata sulla figura di Mary Shelley.

Il libro, già candidato al Premio Strega 2018, racconta la storia di tre famiglie appartenenti a classi sociali diverse in un arco di tempo dal 1953 al 1998 in quella Roma che l’autore ricorda con malcelata nostalgia. Non è un libro sulla musica sebbene i brani di Lucio Battisti affiorino a più riprese nel testo. Si tratta piuttosto di un saga generazionale, nella quale risaltano i bambini divenuti giovani negli anni ’70, con sullo sfondo i torbidi delle vicende della grande Storia dell’Italia che ora irrompe ora si cela. Le contrapposizioni ideologiche, la rivoluzione dei costumi, l’affarismo e un incontro casuale con Lucio Battisti.