La galleria degli Uffizi è una dei musei più belli d’Italia, racchiude un numero elevatissimo di opere di altissimo livello storico artistico ed è proprio per questo che oggi ci addentreremo nei suoi corridoi.

Le 7 opere più famose racchiuse negli Uffizi:

1. La primavera di botticelli

Dipinto dal Botticelli nel 1478 è uno dei quadri più conosciuti nella storia dell’arte. L’autore in molte sue opere fa riferimento,come d‘altronde anche in questa, alla mitologia, ma il vero successo è l’attentissima precisione per  i dettagli.

2. Bacco Caravaggio

Sicuramente una delle opere più conosciute di Caravaggio dipinte durante la sua vita e se osserviamo bene il quadro potremmo notare delle piccole cose che non vedremmo di primo impatto: il colore delle pelle non è tutto uniforme, ma sul collo e sul braccio è più scuro, le unghie non sono ben pulite questo si pensa che derivi da colui che ha posato per Caravaggio, inoltre come ultima cosa potremmo notare anche la perfezione dei dettagli tipica della sua pittura.

3. La Venere  di Urbino di Tiziano

Tiziano mette in contrapposizione un personaggio dell’antichità con l’arredamento della camera che è visibilmente moderno, la dea accanto a sé ha delle rose rosse simbolo proprio di bellezza e fedeltà tema ricorrente nelle sue opere. Il chiaro scuro che si trova sullo sfondo mette in luce il corpo semi nudo della dea.

4. Adorazione dei Magi di gentile da Fabiano

E’ un capolavoro del gotico italiano e il dettaglio nei particolari lo rileva.  Soprattutto per la tridimensionalità lo rende uno dei dipinti più affascinanti per questa epoca.

5. Annunciazione Leonardo da vinci

Leonardo era particolarmente riconoscibile nelle opere che effettuava quindi spesso troveremo elementi ricorrenti come il pallore della pelle e la scena illustrata in primo piano. Leonardo mette questa scena in uno sfondo particolare poiché era consuetudine raffigurare tale scena all’interno della camera di Maria. Nulla è lasciato al caso.

6. Nascita di Venere

Punto di riferimento della bellezza rinascimentale quest’opera è veramente l’emblema della tradizione e si può notare dalla posizione stessa che assume la venere sulla conchiglia. Si ha un riferimento all’antichità.

7. Il tondo doni di Michelangelo

Una parola per descrivere ed è quella di straordinario. Michelangelo nella sua vita ha fatto solo un dipinto su supporto mobile ed è proprio questo. La Madonna è rappresentata con una corporatura tutt’altro che dolce, la torsione che viene raffigurata dona senso del movimento, si può notare anche la classica forma piramidale che è tipica della tradizione.