Qualche articolo fa vi avevo anticipato i 3 balletti imperdibili di questo inverno e oggi vi ricordo Lo Schiaccianoci del Balletto di San Pietroburgo al Teatro della Pergola di Firenze il 22 dicembre.

A tre giorni dal 25 dicembre, va in scena con un doppio appuntamento, alle ore 16.45 e alle ore 20.45, una delle fiabe di Natale più magiche, una fiaba fatta di dolciumi, soldatini, albero di natale, fiocchi di neve e fiori che danzano, topi cattivi, prodigi, principe azzurro e fatina.

Rivediamo insieme la trama!

Durante la vigilia di Natale, agli inizi del XIX secolo, il sindaco organizza una festa per i suoi amici e per i loro piccoli figli.

Questi, in attesa dei regali e pieni di entusiasmo, stanno danzando quando arriva il signor Drosselmeyer, un amico di famiglia, che porta regali a tutti i bambini, intrattenendoli con giochi di prestigio rompendo così l’ostilità inziale. Egli ordina di far portare a casa alcuni giocattoli meccanici. Ad un gesto della sua bacchetta, appaiono quattro pupazzi: uno Schiaccianoci, un Arlecchino, una bambola e un re dei topi. Alla sua prediletta, Clara, regala uno schiaccianoci a forma di soldatino che Fritz, il fratello della bambina, rompe per dispetto.

Arrivano così alla festa anche i parenti, che si uniscono alla festa danzando. Clara, stanca per le danze della serata, dopo che gli invitati si ritirano, si addormenta sul letto e inizia a sognare. È mezzanotte e tutto intorno a lei inizia a crescere: la sala, l’albero di Natale, i giocattoli… e soprattutto una miriade di topi che cercano di rubarle lo schiaccianoci.

Clara tenta di cacciarli, quando lo Schiaccianoci si anima e partecipa alla battaglia con i soldatini di Fritz: alla fine, rimangono lui e il Re Topo, che lo mette in difficoltà. Clara, per salvare il suo Schiaccianoci, prende la sua ciabatta e la lancia addosso al Re Topo, distraendolo; lo Schiaccianoci lo colpisce uccidendolo. Ed ecco che quest’ultimo si trasforma in un Principe e Clara lo segue, entrando in una foresta innevata. Arriva qui il Valzer dei Fiocchi di Neve.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I due giovani entrano nel Regno dei Dolci, dove al Palazzo li riceve la Fata Confetto, che si fa raccontare dallo Schiaccianoci tutte le sue avventure e di come ha vinto la battaglia col Re Topo. Subito dopo, tutto il Palazzo si esibisce in una serie di danze che compongono il Divertissement più famoso e conosciuto delle musiche di Čajkovskij e che rendono famoso il balletto, culminando nel conosciutissimo Valzer dei Fiori.

Dopo, il Principe e la Fata Confetto si esibiscono in un Pas de deux e il balletto si conclude con un ultimo Valzer che segna la fine del sogno: una volta svegliata, Clara ripensa al suo magico sogno abbracciando il suo Schiaccianoci.