La quinta puntata de “I Medici” si concentra principalmente sulle nuove dinamiche familiari cambiate a causa del legame instauratosi tra Francesco Pazzi e Lorenzo De Medici.

Nel corso dei precedenti episodi, il legame tra i due ragazzi ha subito un’evoluzione crescente, partendo, da una rivalità fino a giungere ad una forte amicizia suggellata durante il battesimo del primogenito di Lorenzo al quale Francesco fece da padrino. Colui che più risentì di questa nuova alleanza fu Giuliano, il quale, si sentì escluso non solo dalla gestione della banca, ma anche dalla vita del fratello.

Durante l’episodio viene anche mostrato come Jacopo Pazzi, il patriarca della famiglia, cerchi di riconquistare la fiducia e l’appoggio del giovane nipote. Per riuscire nel suo intento, Jacopo, convincerà Francesco che il suo matrimonio con la giovane veneziana, Novella Foscari, fosse solo un’idea del giovane Medici per spiarlo e farlo allontanare dalla famiglia Pazzi. Un altro evento significativo in questa puntata è la contesa tra Lorenzo ed il papa Sixto IV per il controllo della città di Imola appena conquistata dal duca di Milano. Nonostante gli sforzi di Lorenzo, alla fine, sarà il papa ad ottenere la città tanto desiderata ed oltre ad Imola perderà anche il conto bancario del papa che passerà sotto il controllo della famiglia Pazzi.

Giuliano De Medici (Bradley Cooper)

Giuliano, fratello minore di Lorenzo, viene ritratto come un ragazzo dal carattere molto complicato ed all’apparenza superficiale. Giuliano viene mostrato, fin da subito, come un ragazzo scapestrato sempre in cerca dei piaceri del vino e delle belle donne, ma, solo Simonetta Vespucci, amante di Giuliano e musa dell’amico Sandro Boticcelli, riuscirà davvero a capire che questa apparente superficialità nasconde, in realtà, un bisogno di rendersi utile ed indispensabile agli occhi della propria famiglia. Il giovane Medici è un uomo di cultura ed intelligenza, ma che prova un senso di vuoto e confusione inconscia che neanche egli stesso riesce ad ammettere.

Solo due donne sembrano capire realmente l’animo tormentato del ragazzo: Lucrezia Tornabuoni e Simonetta Vespucci. In questa puntata, infatti, entrambe cercheranno di far capire a Giuliano che l’unico modo in cui potrà di nuovo provare emozioni genuine sarà quando potrà nuovamente rendersi utile agli occhi del fratello. Durante una discussione con Lorenzo, la madre, farà notare al figlio che avendo già scelto Francesco come padrino del proprio primogenito avrebbe dovuto affidare il controllo di Imola a Giuliano in modo da includerlo nuovamente negli affari della banca. Giuliano rifiuta principalmente per amore di Simonetta Vespucci, la quale però, gli farànotare che il loro amore è sbagliato non solo perchè lei è sposata, ma, soprattutto perchè questo amore non permetterà all’amante di trovare il proprio scopo. Bradley Cooper, con i suoi occhi azzurri da bravo ragazzo ed i suoi lineamenti da cattivo ragazzo, incarna perfettamente questa personalità esuberante e tormentata.

Le espressioni dell’attore rendono la sua interpretazione ancora più vivida e penetrante agli occhi degli spettatori, è chiaro che egli è stato in grado di abbracciare il personaggio e di averlo esplorato, studiato e compreso. Giuliano mostra confusione ed allo stesso tempo mostra un carattere passionale, caratteristica scatenante di molte delle sue azioni, guidate spesso proprio da sentimenti di amore e che a volte viene bilanciato dallo spirito critico e razionale dal fratello o dal carattere riflessivo dell’amico ed artista Botticelli.

Lucrezia Tornabuoni (Sarah Parish)

Lucrezia Tornabuoni, Matriarca della famiglia Medici, ha un ruolo di grande importanza nelle vicissitudini della famiglia sebbene spesso il suo personaggio venga sottovalutato. Lucrezia è una donna che, nel corso degli anni, ha sviluppato un carattere deciso e forte in grado di tenere testa, non solo al marito quando ancora era in vita, ma in grado di assumere il ruolo di consigliera fidata del figlio Lorenzo. La donna ha un grande senso di responsabilità che si bilancia alla perfezione con il suo carattere amorevole di madre.

La sua determinazione e forza la rendono simile alla suocera Contessina De Bardi, ma con delle differenze da non sottovalutare, infatti, la suocera aveva un carattere forte, determinato e soprattutto in grado di assumere spesso un ruolo di comando con i suoi atteggiamenti bruschi ma ammalianti. Lucrezia invece, seppur determinata, riesce sempre a trovare un equilibrio nei propri atteggiamenti ed a risultare sempre elegante e pacata anche quando cerca di trovare dei compromessi proficui alla propria famiglia.

Il ruolo della donna, soprattutto in questa puntata, risulta indispensabile, in quanto, risulta l’unica in grado di mettere pace tra i propri figli, di capire il figlio minore lasciandogli anche il proprio spazio per sbagliare e riflettere e di consigliare in modo audace e fermo il figlio maggiore nella gestione degli affari. Sarah Parish ha interpretato questo ruolo con una grazia che si addice pienamente alla crescita personale affrontata da Lucrezia. L’attrice è in grado di mostrare ogni dubbio, ogni cambio di emozione del proprio personaggio riuscendo, però, a mantenere sempre un rigore ed una fermezza a causa delle quali a volte può risultare fredda o spenta agli occhi del pubblico, ma in realtà, sia Sarah Parish, sia Lucrezia Tornabuoni brillano di una luce particolare che fornisce loro una sensazione di mistero, ma anche di eleganza e sensibilità.