Il Corpo della Guardia di Finanza è stato insignito del Fiorino d’oro, massima onorificenza della città. Lo ha consegnato il sindaco Dario Nardella al Generale di Corpo d’Armata Giorgio Toschi, Comandante Generale della Guardia di Finanza

Queste le motivazioni integrali del riconoscimento:

“Sin dalla “Sovrana Risoluzione” del 18 dicembre 1840, con la quale Leopoldo IIistituiva nel Granducato di Toscana la “Real Guardia di Finanza”, i Finanzieri sono stati presenti a Firenze contribuendo attivamente con il loro lavoro alla crescita civile ed economica della Città.

Durante i tragici giorni dell’alluvione che colpì Firenze nel novembre del 1966, le Fiamme Gialle intervennero immediatamente in soccorso dei Fiorentini, portando in salvo centinaia di cittadini con l’impiego di elicotteri e adoperandosi per il rifornimento di acqua potabile e la distribuzione di generi alimentari, di conforto nonché di medicinali.

Oggi, la Guardia di Finanza costituisce fondamentale presidio di legalità per la tutela della sicurezza economico finanziaria, così come delineata dal dettato costituzionale nonché dalla legislazione nazionale, europea e dal diritto internazionale.

La sua azione consente il corretto godimento di fondamentali diritti da parte dei Cittadini e il buon funzionamento delle Istituzioni e del sistema produttivo fiorentino, nella prospettiva di conseguire il bene comune nel contesto contemporaneo connotato dalla globalizzazione della circolazione di persone, merci e capitali.

Importanti riflessi positivi sul bilancio comunale sono stati determinati, da ultimo, in conseguenza della formalizzazione della collaborazione fra l’Amministrazione comunale ed il Corpo, sia con riguardo alla corretta corresponsione dei tributi locali, sia in relazione alla tutela della legalità nelle fasi di spesa.

Particolarmente incisiva è stata altresì l’azione sviluppata per la tutela del settore commerciale, di quello turistico e di quello produttivo, anche attraverso la lotta alla contraffazione che danneggia le produzioni caratterizzanti la Città e che connotano la sua immagine nel mondo”.