Il color verde dei prati e il rosso dell’amore in Irlanda si fondono creando un’atmosfera dolce in luoghi idilliaci

A Nord dell’Europa si trova uno stato la cui storia, la cultura e le tradizioni conquistano facilmente i viaggiatori. Questo posto è spesso ricordato con una locuzione che racchiude in sè tutta la bellezza dei paesaggi che lì possiamo ammirare. Poeticamente viene chiamata “Isola di Smeraldo” per ricordare la bellezza della sua natura e le molte tonalità di verde di cui si rivestono i suoi prati. Perchè, però, l’Irlanda porta questo nome? Questo modo di riferirsi all’isola venne usato per la prima volta dallo scrittore, oltre che medico e politico, William Drennan nella sua poesia “When Erin First Rose”.

Cosa ha da offrire l’Irlanda a un viaggiatore?

Questo paese è noto per la sua festa annuale in onore di San Patrizio, la produzione della Guinness e le ritmate danze tradizionali. Ciò che però rende estremamente famosa e amata quest’isola è la straordinaria bellezza dei suoi paesaggi. Tra questi, le “Cliffs of Moher” meritano un’attenzione particolare. Scogliere imponenti, caratterizzate da una parete rocciosa alta 241 metri, attirano ogni anno migliaia di turisti che rimangono senza fiato. La bellezza di tale luogo è talmente sconvolgente che è spesso citato in poesie,romanzi, canzoni non solo di autori irlandesi, ma anche stranieri de è spesso scelto come luogo di riprese per molti film.Per tutti gli amanti di Bird-watching, poi, le cliffs offrono la possibilità di ammirare una grande varietà di uccelli esibirsi molte acrobazie.

L’Irlanda è anche un paese ricco di leggende e tradizioni riguardanti quello che i poeti celebrano come il più nobile dei sentimenti, l’amore.
Oltre ad accogliere le spoglie di San Valentino, nella chiesa Whitefriar Street Church di Dublino viene fatta una benedizione particolare alle fedi degli sposi che decidono di celebrare le proprie nozze il 14 febbraio.
La località Claddagh invece è famosa per la fabbricazione di un anello che prende il nome di questo posto. Formato da due mani che tengono un cuore, è considerato il simbolo dell’amore e dell’amicizia e può assumere due significati diversi a seconda di come viene indossato: se la corona è rivolta verso la punta delle dita il cuore della persona è già occupato, se invece è rivolta nell’altro verso vuol dire che la persona è pronta ad innamorarsi.
Per i cuori solitari? A Lisdoonvarna viene annualmente organizzato il Matchmaking Festival, attualmente considerato il maggior evento d’Europa in cui i single si recano per incontrare l’amore.

In qualche modo anche la nostra Firenze è partecipe di queste leggende, grazie al nome di una donna. Per questa signora, il cui nome era Florence, fu costruita dal marito una villa che attualmente è considerata uno dei luoghi più magici e ambiti in cui celebrare le nozze.