“Quando passeggio per San Frediano, non posso far a meno di guardare le tante botteghe, gli scorci unici, i locali pieni di gente e questo mi piace, trovo che abbia un spirito unico e riconoscibile … “

Pierfrancesco Favino insieme al nostro giornalista Emiliano Cecchi

Pierfrancesco Favino insieme al nostro giornalista Emiliano Cecchi

 

La nostra redazione ha avuto piacere di assistere all’ultimo spettacolo di Pierfrancesco Favino, dal titolo “LA CONTRORA” che si è tenuto fino al al Teatro della Pergola fino al 1° maggio.

L’attore romano, ci ha ospitato nel suo camerino che è stato anche quello dell’attrice Eleonora Duse.

Pierfrancesco, La ringraziamo per l’accoglienza: ci parli dello Suo spettacolo …

LA CONTRORA” nasce proprio qui alla Pergola; dall’amore per il teatro e dalla nostra volontà di portare in scena uno spettacolo dalla strutturazione classica, ma di rottura, che abbia una certa vicinanza

Essenzialmente, è il riadattamento dell’opera di Cechov  “Le Tre Sorelle”, ma in un’ambientazione che potesse risultare più familiare al pubblico e con una cura dei dialoghi e dei personaggi che gli dessero una certa scorrevolezza ed autenticità.

Incuriosisce molti l’accademia teatrale “L’OLTRARNO” della quale è tra i fondatori e direi uno dei promotori chiave, ce ne può parlare ?

Certo, è un piacere per me raccontare di questa bellissima creatura, che siamo riusciti a partorire grazie all’aiuto di molti, sia finanziario, che artistico.

Si tratta di una vera e propria accademia con sede nell’ex teatro “Pio Fedi”, dove a seguito di un bando, siamo riusciti a selezionare un gruppo di giovani futuri attori, ai quali poter offrire un insegnamento veramente di grande livello completamente gratis.

Embed from Getty Images

Esistono già realtà assimilabili a questa, da un punto di vista qualitativo, ma hanno costi d’iscrizione che sarebbero insostenibili quasi per chiunque, difatti uno dei punti di rottura è proprio l’aver reso fruibile, insegnamenti altrimenti inaccessibili, ad un gruppo di persone molto promettente.

L’accademia si trova proprio qui a Firenze, città  dove fra l’altro, è andata in scena la prima nazionale de “LA CONTRORA”: che rapporti ha con il capoluogo toscano ?

Mi trovo molto bene! Ho un ottimo rapporto con Firenze, la trovo un luogo di grande ispirazione, c’è bellezza.

La dimensione, a mio modo di vedere, è ideale per portare avanti dei progetti come possono essere i miei: a volte le grandi città ti possono disorientare, spaventare … Qui ho invece la sensazione di potercela fare.

Firenze è una città dall’incredibile potenziale,  di immensa vitalità, in attesa di emergere … Vorrei tanto collaborare alla crescita della vostra meravigliosa città.