Lucio Battisti: indimenticabile, eterno. Venerdì scorso, al Teatro Puccini di Firenze, un concerto letteralmente straordinario dedicato ad una delle coppie di autori più amate della musica italiana: Mogol-Battisti. La tribute-band, capitanata dalla voce di Fabio “Red” Rosso, vanta di elementi bravissimi che oltre ad una grande professionalità artistica, hanno mostrato un grande cuore.

Un concerto e un cd per ricordarlo

Uno show, per ricordare questo tanto amato cantautore che insieme a Mogol, ha firmato alcune fra le più belle canzoni della musica italiana.

Nuovi arrangiamenti, con un tocco di Blues

Una direzione musicale curata sotto ogni minimo particolare, cercando di non “intaccare” la melodia dei brani originale. Un dieci e lode alla direzione musicale di Giovanni Vianelli.

La voce di Fabio, ci ricorda Battisti ma ha una sua magia “particolare”

Innamorato della musica e “il suo mestiere è vivere la vita”, parliamo del frontman della tribute-band: Fabio “Red” Rosso. Con eleganza ed energia ha interpretato i brani con maestria e talento. Nessuna imitazione, che naturalmente non avrebbe alcun senso, ma dedizione e capacità di emozionare. 

Le chitarre, contorno musicale favoloso

Grandi maestri, oltre che musicisti nell’accompagnare questo concerto, alle chitarre: Emanuele “Graffo” Graffiti  e Luigi Di Campo. L’ingresso delle chitarre riportava ad un’eterna ritmica che riconduceva a Battisti, ma anche ai giorni nostri.

Batteria, basso, percussioni e tastiere

Ognuno più bravo dell’altro: padrone del proprio strumento, capace di regalarsi e regalare al pubblico note indimenticabili. Luca Piccolo alle tastiere, Jimmy Bolco alla batteria e sempre, alla batteria e percussioni Marco Vattovani. Al basso, un incredibile Alessandro Sala.

Al coro Joy Jenkins e Michela Grilli

Bravissime, senza parole. Joy Jenkins stratosferica nella sua versione blues de “Il tempo di morire”, con la sua voce graffiante. Altrettanto brava, Michela Grilli, dalla voce dolce e sensuale in “Mi ritorni in mente”. Oltre a questi due pezzi da soliste, brave anche nell’accompagnare Fabio in altri brani come “Pensieri e parole”.

“Canto Libero”: un cd che sposa un grande omaggio

Il titolo del cd, per omaggiare Battisti e Mogol, si intitola “Canto Libero”, ispirato alla famosa canzone “Il mio canto libero”. Fra le canzoni più celebri, troviamo nella playlist di questo cd – giusto per citarne alcune – “Amarsi un po’”; “Perchè no”; “Il nostro caro angelo”; “Eppur mi sono scordato di te”; “E penso a te”. In alcuni brani del cd, potremo anche ascoltare il sassofono del M° Marco Castelli.

Il cd è acquistabile solo in occasione delle tappe dei concerti della band 

Per info e contatti:

http://www.good-vibrations.it/

Si ringrazia per la professionalità e per la la preziosa collaborazione, la fotografa Alessandra Barucchieri

Gallery a cura di Alessandra Barucchieri