Maria Chiara Giannetta, classe ’92, in “Don Matteo” veste i panni del capitano dei Carabinieri Anna Oliveri. Interpretazione straordinaria da parte dell’attrice pugliese, che per prepararsi ancora meglio ad affrontare il ruolo di capitano, è stata affiancata dal Maggiore Melissa Sipala.

Maria Chiara, nasce con il teatro e presto approda a fiction di successo come “Che Dio ci aiuti” e “Baciato dal sole”. In passato aveva già lavorato in “Don Matteo” ma in un episodio della 9° stagione dal titolo “Vecchi ricordi” in cui ha interpretato il ruolo di Sabrina Rondinelli.

Nel 2016 ha preso parte al film “La ragazza del mondo” , un film dedicato alla religione dei “Testimoni di Geova” nella parte di Loretta. Il film diretto da Marco Danieli, ha vinto numerosi premi, fra cui il Nastro d’argento allo stesso regista e un David di Donatello.

Una bellezza acqua e sapone, che la rende ancora “più perfetta” per il ruolo del Capitano Oliveri. Non solo la bellezza ma anche tanto talento in un’attrice che, a soli 24 anni, vanta già di una notevole preparazione professionale.

Non è mai stata a Firenze ma ci ha promesso che rimedierà al più presto per visitare la nostra città.

INTERVISTA A MARIA CHIARA GIANNETTA

Anna Olivieri: il nuovo capitano dell’”Arma dei Carabinieri” in “Don Matteo 11”, fra l’altro da te magistralmente interpretato, ha qualcosa di bello e di profondo che forse nasconde? Questa, naturalmente, è una mia sensazione da spettatrice … E’ corretta ? Sembra che si protegga da una corazza per non farsi “scoprire”…

E’ perfettamente così. E’ un modo di essere di Anna per difendersi dall’esterno. Questo atteggiamento, leggermente ostile, lo riporta  –  involontariamente –  anche nel quotidiano della sua vita privata … Se ben ti ricordi, nella prima puntata di “Don Matteo”, il fidanzato le confida di volersi fare sacerdote. Anna, invece di aprire un dialogo diretto con lui, lo invita a riflettere individualmente ….

Credi che la corazza che indossi, sia un aspetto che riguarda tutte le donne in carriera o è semplicemente un lato caratteriale di Anna ?

Credo che faccia parte solo del suo carattere. Più che la durezza, è importante la sicurezza del proprio ruolo. Ogni individuo (al di là di essere uomo o donna) non può e non deve mostrare le sue capacità con estremo rigore, ma semplicemente, con sicurezza e determinazione.

Maria Chiara, è stato difficile interpretare Anna ?

Ci assomigliamo su certi aspetti e, naturalmente, siamo diverse per altri. Mi sono innamorata di questo personaggio fin da subito … La produzione mi ha affiancato per un’intera giornata al Maggiore dei Carabinieri, Melissa Sipala, che oltre ad avermi spiegato come funziona questo mondo, mi ha indicato i movimenti (come ad esempio il modo di camminare) e l’impostazione che avrei dovuto mantenere per l’interpretazione.  Il mio personaggio è nato e cresciuto con il Maggiore Sipala. Naturalmente, mi sono ispirata a lei per dar vita ad Anna. Ancora ad oggi, ringrazio il Maggiore per avermi aiutata in questa bella impresa.

Con questa tua risposta, ci agganciamo perfettamente alla prossima domanda. Il tuo ingresso in “Don Matteo”, agevola in qualche modo l’ideale della donna nel mondo del lavoro ? Anna porta con sé un messaggio ? Quale chiave di lettura dovremmo comprendere ?

Il ruolo femminile ha un grande valore, è una questione umana, di relazioni. Un donna non ragiona come un uomo e viceversa. Anna dimostrerà, forse in un modo un po’ troppo duro, che una donna è in grado perfettamente di adempiere ai suoi doveri. Anche nell’ultima puntata, nonostante il Maresciallo Cecchini abbia finto di essere un capitano di fronte ad un suo amico, Anna ha mantenuto il segreto per non farlo sfigurare. E’ una donna sensibile che come ogni “capo”, sgrida i suoi uomini all’interno  della caserma ma li difende  – a spada tratta – all’esterno del lavoro.

Com’è stata l’accoglienza da parte del cast di “Don Matteo” ? Ti arriva l’affetto del pubblico ?

L’accoglienza è stata straordinaria, mi sono trovata benissimo a lavorare con questo grande team. Per quel che riguarda il pubblico, sì, naturalmente sono felice ! Mi scrivono in tantissimi attraverso i social e aumentano i follower ogni giorno a dismisura … Mi dispiace davvero di non riuscire a rispondere ad ognuno, ma purtroppo non mi è sempre possibile … Comunque ne approfitto per ringraziare tutti per questo interesse e meraviglioso affetto.

Hai recitato a fianco di Elena Sofia Ricci in “Che Dio ci aiuti” e nella serie “Baciato dal sole” con Gugliemo Scilla e Giuseppe Zeno.  Che ricordi hai di queste esperienze ?

In “Che Di ci aiuti”, recitare a fianco di Elena Sofia Ricci e Valeria Fabrizi, è stato un grande privilegio. Per “Baciato dal sole” ho fatto circa 10 pose. Le ultime 3 pose, erano concentrate in Inghilterra (fra l’altro, era prima volta che ci andavo …) ed è stato bellissimo: eravamo in 15 in un ambientazione al buio e fu davvero particolare …

Puoi anticiparci qualcosa del tuo personaggio in “Don Matteo” ? Svelaci qualcosa … 🙂

Anna farà un passo avanti per poter affrontare determinate situazioni. Si lascerà emozionare dalla vita, crescendo e maturando … Di fronte alle scelte si mostrerà, finalmente, per la sua sensibilità e profondità.

Maria Chiara, hai altri progetti dopo “Don Matteo” ?

Non appena terminerò di girare “Don Matteo” , mi dedicherò a nuovi progetti e provini. Incrociamo le dita insieme !

Credits by Fabrizio De Blasio

Credits by Fabrizio De Blasio

Dato che non sei mai stata a Firenze, ti aspettiamo al più presto nella nostra città ! Ok ?

Certo, al più presto rimedierò e verrò a trovarvi ! Promesso! 🙂 

Ringraziamo per la collaborazione e disponibilità, l’agenzia di Maria Chiara Giannetta la “Take Off Artist Management”, in particolare la Sig.ra Rosaria Cicolani e la Sig.ra Simona Franzini:

http://www.takeoffartistmanagement.com/

L’ufficio stampa della fiction “Don Matteo”, in particolare la Dott.ssa Cecilia Del Vecchio:

http://www.luxvide.it/

La foto in preview all’articolo (in home) è del fotografo Fabrizio De Blasio che ringraziamo per la collaborazione:

http://www.fabriziodeblasio.com/